Lungo lungo e stretto stretto. Baciato dal sole, dal mare e da uno stile architettonico unico, che non si trova in nessun altro paese d’Europa. Ma la vera unicità del Portogallo sta nella luce. Forse per questo suo trovarsi ad ovest, forse per il riverbero dell’Oceano, il Portogallo ha mattine limpide, pomeriggi infiniti e serate in cui non fa mai buio.

Trascorrere una settimana di ottobre in Algarve ti farà sentire ancora il calore dell’estate. Visitare Lisbona in primavera ti darà la sensazione che l’inverno non sia mai esistito; l’estuario su cui la capitale si affaccia, il Tago, è talmente immenso da confondersi con il mare e illuminare i quartieri di mezza città. Attraversando i vigneti dell’Alentejo ed arrivando fino al confine con la Spagna, vivrai in una dimensione alla “Don Chisciotte” fra terre riarse, castelli, borghi silenziosi e fiumi indolenti che solcano una campagna bionda.

Poi c’è il nord, ed è tutta un’altra musica. Il clima è più variabile, le persone più riservate, la lingua più dura, le montagne che si alzano e nascondono villaggi fuori dal tempo e dallo spazio. La “capitale” del nord, Porto, sotto la pioggia è quasi più bella che con il sole: il fiume Douro, i ponti di metallo, la riva con le cantine… tutto luccica di un riflesso misterioso ed attraente. Lo stesso vale per le isole atlantiche, Madeira e le Azzorre: verdissime, cosparse di fiori e vegetazione, con un clima più che mutevole, quasi dispettoso, panorami e scorci ai quali sembra che l’uomo non abbia mai messo mano.

Per il tuo viaggio in Portogallo, metti in valigia delle scarpe comode. Qui le città, i paesi e i borghi sono un continuo saliscendi di stradine, scalinate, rotaie di tram, salite e discese, con una sorpresa inattesa dietro ad ogni curva.

Leggi tutto
Mostra di meno

tour

da € 639
Tour
5 giorni (4 notti)

crociere

da € 1299
da € 1229