Sfarzo nostalgico di altri tempi e colori opalescenti si alternano a paesaggi dall’anima selvaggia. La Russia ti dà il benvenuto con i fasti della Piazza Rossa di Mosca, dove il giocoso edificio della Cattedrale di San Basilio ti guarda dall’alto. Ivan il Terribile, a dispetto del soprannome, doveva essere di buon umore quando immaginò quei morbidi ciuffi svettare sul cielo azzurro. Catturati dal contrasto di colori, i tuoi occhi si volgono alle linee più rigide e candide del Cremlino che, un tempo, proteggevano gli zar. La sensazione, qui in Russia, è quella di essere dentro un forziere di ricchezze. Non puoi che seguire le linee che attraversano il Paese disegnandolo, e scoprire dove ti portano. 

Ti ritrovi immerso nell’incanto dell’Anello d’Oro tra cittadine medievali inanellate dalla dorata bellezza di monasteri e chiese della Russia ortodossa; Sergiev Posdal, Suzdal, Vladimir. Ebbro di questo riflesso dorato giungi alle rive d’argento del Volga, il fiume infinito. Ti imbarchi per una crociera fluviale su motonavi modeste e veraci (nulla a che fare con le bianche regine che solcano il Mediterraneo) e ti sazi di una Russia ancestrale e rurale, fatta di villaggi, cittadelle fortificate e possenti signore che lavorano sull’aia.

L’esatto contrario della ricchezza eterna di San Pietroburgo e della sua gelida atmosfera narrata da Delitto e Castigo. Certo più simile allo scenario naturalistico del Lago Onega, profondo nord a due passi dalla Finlandia, dove sull’Isola Kiži svettano fra l’erba magnifiche chiese scolpite nel legno. O del Lago Bajkal, favola siberiana che ti rivolge l’ultimo saluto della grande madre Russia. Del resto, se sei arrivato fin qui, sei quasi in Mongolia.

Leggi tutto
Mostra di meno

tour

da € 1215
da € 745
da € 1315
da € 980