Alza lo sguardo e spingilo all’orizzonte. Cattura ogni dettaglio e non riuscirai più a dimenticare questa terra. Sarà la tua Tanzania. Non ti stupirà sapere che questo Paese dell’Africa Orientale, bagnato dall’Oceano Indiano, cullò l’umanità per la prima volta. Qui ogni cosa è il risultato di un abbraccio stupendo tra culture, specie e bellezze. 

Come quando cogli il respiro dell’Africa che si fonde con il mondo arabo: due coste affacciate sullo stesso mare, popoli che hanno commerciato e scambiato, contaminandosi. Se incontri il sorriso di un bantu mentre ti dirigi al Parco Nazionale del Serengeti è un buon augurio. Ed eccolo, lo spettacolo della natura: connessione istantanea. Sterminate praterie color ocra si animano di fronte a te. Un leopardo sdraiato sul ramo posa per un attimo il suo sguardo giallo su di te. Sembra non fare caso ai musi lunghi delle zebre che pascolano caute lì accanto.

E poi c’è lui, il re leone. Fulvo e maestoso, servito e riverito dal suo stuolo di regine, lo scorgi appena dietro uno di quegli enormi massi vulcanici che i locali chiamano Kopjes. Sono forse “figli” del cratere più grande del mondo, Ngorongoro, un pullulare di vita che si apre sterminato tra la fitta vegetazione. Una meraviglia dietro l’altra e i tuoi occhi non sono mai sazi.

Non ti preoccupare: hai appena cominciato a scoprire la Tanzania.

Leggi tutto
Mostra di meno

mare

Zanzibar

Zanzibar